Cosa, Come, Dove, Quando nel Verde della Toscana


Antichi borghi chiantigiani


Nell'alto medioevo Castellina in Chianti godeva giÓ di una discreta importanza. Nell'XI secolo appartenne, con il nome di Castellina dei Trebbiesi, alla famiglia del Trebbio, legata ai conti Guidi. Nel XII secolo fu un caposaldo del sistema militare fiorentino. Nel XIII secolo partecip˛ alla Lega del Chianti, assieme a Radda e Gaiole, e per un certo periodo ne fu il centro principale. Nel 1397 venne conquistata dalla bande di ventura di Alberico da Barbiano, alleato dei Senesi. Del periodo medievale le costruzioni pi¨ interessanti da vedere sono la suggestiva pieve di Santa Maria in Colle detta la Badiola, che originariamente era un'abbazia posta sotto la protezione dei Guidi, la pieve di San Leonino in Conio e la pieve di Sant'Agnese.

Gaiole in Chianti Ŕ ricordata in un documento del 1086. Nel 1378 pass˛ a Firenze. Poco fuori dall'abitato, su di un leggero colle, c'Ŕ la pieve di Santa Maria a Spaltenna, costruita nella prima metÓ del XII secolo. A 2,5 km. dal paese, in direzione Siena, si pu˛ vedere il castello di Meleto, dai poderosi torrioni circolari, tipico esempio di fattoria fortificata di epoca medioevale. Una diramazione da Gaiole, porta alla Badia a Coltibuono, una chiesa e i resti di un'abbazia (incorporati in costruzioni successive) risalenti al 1049.

Poco fuori Castelnuovo Berardenga Ŕ da vedere la pieve di Santa Maria Maddalena a Pacina, rimaneggiata in epoca barocca, ma la cui origine medievale Ŕ testimoniata dal curioso campanile cilindrico del IX secolo.

Radda in Chianti conserva pressochŔ integra la struttura urbanistica medievale a pianta ellittica allungata. Alcuni documenti dell'XI secolo la citano come corte fortificata di proprietÓ dei monaci della Badia Fiorentina a cui era stata donata dalla contessa Willa, madre del marchese Ugo di Toscana. Nel 1203 pass˛ dai Conti Guidi a Firenze da cui fu fortificata nel 1400. Nella seconda metÓ del XII secolo fu indicata come capoluogo della "Lega del Chianti", una delle giurisdizioni autonome con cui era stato organizzato da Firenze il contado. Nel 1230 il castello di Radda fu assaltato e distrutto dai Senesi. Tra le emergenze di epoca medievale sono da annoverare le pievi romaniche di Santa Maria Novella e di San Giusto in Salcio, il castello di Volpaia e quel che rimane del castello di Albola.

Nei dintorni di Tavarnelle Val di Pesa sono da vedere la pieve romanica di San Pietro in Bossolo, anteriore all'anno 1000, e la chiesa di Santa Lucia al Borghetto del XIII secolo. Il borgo di San Donato in Poggio, in comune di Tavarnelle Val di Pesa, conserva ancora un aspetto tipicamente medievale. Fuori dalle mura Ŕ di grande interesse la romanica pieve di San Donato dalle tre caratteristiche absidi. L'interno a tre navate conserva un fonte battesimale di Giovanni della Robbia.

Greve si form˛ intorno ad un antico castello, noto fin dall'XI sec. ma si svilupp˛ soltanto nei secc. XIV e XV. Nel 1325 il castello fu bruciato da Castruccio e nel 1387 depredato da Alberico da Barbiano. Di epoca medievale sono i numerosi castelli sparsi nel territorio come quello di Montefioralle (XI sec.), di Panzano (XIII - XIV secc.), e la pieve romanica di San Leolino (X sec.) a Panzano, che all'interno conserva opere di gran pregio tra cui una pala d'altare duecentesca di Meliore di Iacopo.

La Pieve di Santa Maria, a cui Impruneta deve buona parte della sua fama, risale all'XI secolo. Nei secoli successivi fu pi¨ volte rimaneggiata e rifatta, nonchŔ ingrandita per poter accogliere i numerosi pellegrini che venivano a venerare la miracolosa icona della Madonna dipinta, secondo la leggenda, da San Luca Evangelista. Nel 1156 dipendevano da essa addirittura 21 chiese minori. L'interno Ŕ ricco di opere d'arte tra cui due preziose edicole di Michelozzo del 1453-56, arricchite da terrecotte e maioliche policrome dei della Robbia.


EDARC Edizioni - Via di Terzano, 2 - 50012 Bagno a Ripoli FIRENZE
Tel. +39 055 630853 - Fax +39 055 633033
www.edarc.it  -  e-mail: edarc@edarc.it

Home